Partenariato

Recependo gli indirizzi della Politica Comune della Pesca (PCP), le Regioni Emilia- Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto, congiuntamente con il Comune di Izola in Slovenia, la Regione Istriana e la Contea Litoranea Montana, hanno avviato un proficuo rapporto di collaborazione per intraprendere, a livello transnazionale, un processo coordinato di potenziamento strutturale, infrastrutturale e di gestione del settore ittico.

Le attività comuni sono orientate alla mitigazione delle barriere attualmente esistenti tra l’Adriatico occidentale e quello orientale, mediante l’attuazione di iniziative ed investimenti in grado di intervenire in modo mirato sui punti di debolezza che affliggono la macroregione adriatica. Le iniziative intraprese creano un importante momento di collegamento tra i Paesi frontalieri sia a livello istituzionale, sia tra gli operatori del tessuto socioeconomico adriatico del settore ittico con l’obiettivo di promuovere non solo lo sviluppo sostenibile del settore ittico ma anche quello dei settori ad esso collegati dal punto di vista ambientale, economico e sociale.

Il partenariato Alto Adriatico è nato nel 2001 e ha visto le singole Regioni impegnate nel consolidamento della loro attività transfrontaliera grazie a diversi progetti finanziati e portati a termine (fra gli altri si ricordano “Adri.fish”, “Fish.log”, “Connect”, “Adri.blu”) e altri che sono in fase di avvio.